Un anno di KDP


La mail mi è arrivata un paio di giorni fa: Amazon ci teneva a informarmi su alcune faccende del loro sistema di pagamenti, e lo faceva nel giorno in cui “festeggiavo” un anno di KDP, ovvero di Kindle Direct Publishing, ovvero di mercimonio (?) della mia scrittura.
Un anno.
Sembra ieri, e invece…

Invece è passato un anno, quindi facciamo un piccolo bilancio, vi va?

copertina ventoHo all’attivo 3 ebook pubblicati, che hanno venduto un numero secretato di copie (così vuole Amazon) e che hanno raggranellato delle buone valutazioni, e pure in un buon numero:
Vento di cambiamento, essendo il primo uscito, è anche il mio cavallo di battaglia, dal punto di vista delle recensioni: tredici per una media di 4,3 stelle su un massimo di cinque.
A Song to Say Goodbye ha 5 recensioni, 4,2 stelline su 5 di media.
Firepower, l’ultimo arrivato di casa, sei recensioni per, di nuovo, una media di 4,2 stelline su 5.
A queste, si aggiungono le recensioni su blog, le mail che ogni tanto arrivano, i messaggi privati su Facebook. Come diceva venerdì Ms. Davies, il feedback è importantissimo, è quello che aiuta a crescere come scrittori (sì, abbiamo anche chiacchierato di scrittura, non solo di capodogli e megattere).

Copertina A Song to Say GoodbyeDirei che non è affatto male, no?
E poi ci sono le altre cose.
L’editing per Angelo Benuzzi e i suoi Back from the Grave e Affari di famiglia, e per Massimo Mazzoni su La guerra del 13 e Xanadu, e quelli, piccoli e grandi, per Davide, e quelli reciproci per e con Hell.

È stato un buon anno di lavoro, tutto sommato.
Ora ne inizia un altro.

firepowerIn lavorazione, c’è la famosa antologia di cui parlavo teeeempo fa, che ha un titolo, una copertina, un primo passaggio di editing e ora attende il secondo.
E il Paciugo, su cui mi piacerebbe lavorare anche stasera, ma il mio sistema immunitario ha deciso che era una grande idea regalarmi il primo raffreddore della stagione fredda e condirlo anche con un po’ di febbre, cosa che no, non è esattamente la situazione fisica ideale per porconare su un testo e modificarlo, anche se mi azzardo lo stesso a postare sul blog.
E poi ci sono uno, due, o forse tre progetti, ma ancora devo capire chi, cosa e come, in che ordine, e, soprattutto, se sono fattibili.
Vedremo.

Di sicuro, ho di che tenermi occupata per un bel po’.

Sarà divertente.

Annunci

2 commenti su “Un anno di KDP

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...