Zucchine, zucchine dappertutto (semi-cit.)


Una delle poche cose che apprezzo dell’estate è che c’è maggior varietà di verdura e frutta fresche, anche se c’è il rischio di finire col vedersi rifilare una volta a settimana ogni settimana da giugno a settembre quei 4-5 chili di zucchine da un parente con l’orto ipertrofico.
Ora di settembre, sarete d’accordo, le zucchine rischiano di venire un po’ a noia, ma finché la voglia c’è, perché non variare un po’ sul tema? E allora, mutuando l’idea dal dottor Mana, che al motto di “non è sempre caviale” propone ogni volta n-mila ricette sfiziosissime che mi fanno sempre venire l’acquolina in bocca, 5 proposte, più o meno complesse, a base di zucchine.
(nota: darò sempre per scontato che le zucchine siano state spuntate, grattate in caso abbiano la buccia un po’ rovinata, lavate e asciugate).

Partiamo con la cosa più semplice: zucchine in padella. Tagliate le zucchine a rondelle, magari con una mandolina. In una padella capiente soffriggete della cipolla trita fine in un po’ d’olio e, quando è imbiondita, aggiungete le zucchine. Salate e pepate, se vi aggrada aggiungete qualche foglia di basilico spezzettata e fiori di zucca puliti e tagliati a listarelle, se ne avete troppo pochi per farne qualcosa di più sfizioso come ad esempio un bel sugo.
Cuocete a fuoco moderato e con il coperchio, mescolando di tanto in tanto, finché le zucchine non saranno cotte a vostro gusto.

Con lo stesso procedimento di base, ma interrompendo la cottura quando le zucchine ancora sono solo parzialmente cotte, si avrà il ripieno per una quiche di zucchine. Basterà mettere le zucchine in una teglia rivestita di pasta sfoglia buchettata con una forchetta e versare sopra un miscuglio di uovo, latte e formaggio grattugiato. Per dosi più precise, c’è anche la ricetta completa.

Volete un primo? Pasta con crema di zucchine. Tagliate a cubetti delle zucchine novelle. Fate appassire una cipolla finemente tritata in un tegame con dell’olio. Aggiungete le zucchine, incoperchiate, cuocete finché sono tenere. Riducete in purea con la forchetta, salate, pepate, aggiungete prezzemolo tritato e fate addensare. Gettatevi la basta al dente e, se vi aggrada, aggiungeteci anche una spolverata di formaggio grattugiato, che ci sta sempre bene.

Niente forno ma una griglia o una piastra calda?Allora c’è un semplice antipasto o, in dosi maggiori, un secondo fresco. Tagliate le zucchine nel senso della lunghezza, cercando di ottenere fette di spessore uniforme. Grigliatele e poi assemblate l’antipasto: su ogni zucchina grigliata mettete un pizzico di sale, una fettina di prosciutto crudo (o un pezzetto di fetta, a seconda delle dimensioni), una spalmata di formaggio tipo Philadelphia. Avvolgete su sé stesso e fermate con uno stuzzicadenti.

Mica consiglio di tagliare le zucchine con spessore uniforme per caso… ^_^’

Avete grigliato troppe zucchine e non sapete che farne? Se vi avanzassero della ricotta salata e del pesto, potreste farvi una bella terrina di zucchine al pesto: prendete uno stampo rettangolare o una piccola pirofila, lo foderate con carta da forno bagnata e strizzata, e lo riempite alternando uno straterello di pesto, zucchine grigliate leggermente salate, e fettine di ricotta. Completate con il pesto e un filo d’olio, chiudete coi lembi della carta ripiegati sopra e premete leggermente. Infornate a 200° per 35 minuti e servite freddo.

Annunci

Torta allo yogurt e spezie


La ricetta di base viene da questo post di blogdolci.com. Poi un giorno che non avevo più yogurt alla frutta, solo triste yogurt bianco, per di più magro, è nata la variante. Richiestissima in famiglia.


Ingredienti:

– 1 vasetto di yogurt bianco
– 2 vasetti di zucchero
– 2 vasetti di farina
– 1 vasetto di olio (io ne metto circa mezzo, ho sempre paura che diventi troppo unta)
– 1 vasetto di fecola
– 2 uova
– sale
– lievito
– 1 cucchiaio e mezzo di cacao amaro
– 1 cucchiaino di zenzero
– 2 cucchiaini di cannella
– una grattatina di noce moscata
– due chiodi di garofani grattuggiati (io gratto la testa contro la grattuggia della noce moscata)

Procedimento:
Accendere il forno sui 180°.
Mescolare bene gli ingredienti, versare in una teglia di diametro 26 centimetri, bordi alti, imburrata e infarinata. Evitare le teglie col fondo zigrinato o troppo lavorato, altrimenti la torta rischia di non staccarsi dal fondo (o staccarsi a pezzi!). La teglia nella foto è un perfetto esempio di teglia da evitare: abbiamo dovuto tagliare la torta nella teglia e staccarla a pezzi dal fondo. =_=’
Infornare a 180° per 40 minuti circa.
Degustare fredda. Si accompagna bene a un ricciolo di panna montata.

Biscotti di pan di zenzero


Ingredienti:

200g farina

50g zucchero

50g miele

100g burro (a temperatura ambiente)

2 tuorli

1 cucchiaino di cannella in polvere

1 cucchiaino di zenzero in polvere

Un pizzico di chiodi di garofano in polvere

1 cucchiaino di cacao amaro

1 grattata di noce moscata

1 pizzico di sale

Lievito per dolci, in relazione alla farina (se 1 bustina è per 500g, fate le debite proporzioni)

 

Procedimento:

In una ciotola setacciare la farina col lievito. Aggiungere tutti gli altri ingredienti secchi e mescolare bene.

Aggiungere il burro a pezzetti, il miele e i tuorli. Impastare bene, fare una palla, avvolgerla nella pellicola trasparente e lasciare in frigorifero per 20-30 minuti a riposare.

Preriscaldare il forno a 180°.

Stendere su una spianatoia infarinata e lavorare col mattarello. Stendere l’impasto dell’altezza che preferite (io sto sui 3 o 4 mm). Tagliare con formine per biscotti (*).

Su una placca coperta con carta da forno, posizionare i biscotti ben distanziati.

Cuocere in forno per 7-8 minuti (o finché non sono dorati alle estremità) a 180°.

 

*: usare un omino non è obbligatorio. Se riuscite a fare uno Cthulu di pan di zenzero, il grande C. ne sarà lieto e, magnanimo, vi mangerà più in fretta, riducendo le vostre sofferenze.