La sera dei ringraziamenti


Tra meno di 30 minuti, uscirò di casa diretta alla mia prima cena del Ringraziamento ever. L’ha organizzata un amico americano in un ristorante della zona, e il menù fa presagire che ci ingozzeremo al punto che il tacchino ripieno, al confronto, sarà in linea perfetta.
Ha preparato un albero, il mio amico Jake, su cui attaccare foglie (finte, ovviamente) con su scritto per cosa siamo grati.
E quindi è da un paio di giorni che ci penso.
Per cosa sono grata? Per cosa sono grata davvero?

E mi rendo conto che le cose per cui sono grata sono tante, molte più di quelle che staranno mai su una foglia finta; che alcune sono cose che sono parte della mia vita, e un paio sono cose che non sono parte della mia vita, il che non le rende meno importanti; e che se sulla foglia finta non ci staranno mai, tanto vale scriverle qui, come memento per me.

Quindi, in ordine sparso, sono grata: Continua a leggere