Ho visto Dracula Treddì…


… e forse forse era meglio farne a meno.

Ne hanno già parlato in tanti, in Italia e non. Molti ne hanno parlato male, qualcuno ne ha parlato bene.
Adesso sento il bisogno di farlo anche io, perché su certe cose no, davvero non si può tacere, e perché se dovessi riassumere il film in una sola parola, credo sarei tentata di scegliere “pezzente”, ma anche “etuquestolochiamifilm?” se la cava bene.

La sensazione che ho avuto guardando l’intero film è che sia una sconclusionata baracconata pezzente messa insieme alla cazzo di cane.

Roba che già solo coi titoli di testa stai piegato in due dal ridere, perché sembrano veramente frutto di un folle in fissa con Power Point.
Roba che per metà del tempo pensi di avere di fronte un porno anni ’80 abortito e pensi “Tette!” ogni due per tre.
Roba che i bambini di un paesino ottocentesco vedono dei cavalli e gridano, estasiati: “Guarda, dei cavalli! Andiamoli a guardarli!”
Roba che il casting fa ridere i polli, protagonisti in primis, e che la recitazione è inesistente.
Roba che la mantide gigante appare all’inizio come ombra su un muro e sembra tanto un’animazione a passo uno dei bei tempi andati, ma poi è solo un mostro in CG fatto col culo.
Roba che manco hanno trovato un povero pirla da pagare per sbuffare del fumo a comando con una macchina del fumo a fianco a un treno di cartapesta, e allora c’hanno messo il fumo in CG sul treno in cartapesta contro sfondo di montagne in CG e triste duo di cavalli che si guardano intorno e sembrano implorare “Fa’ che mamma non mi veda, o mi disereda!”.

Dracula 3D - il treno Continua a leggere

Annunci

Lost Girl


È il mio ultimo, piccolo tormentone. Tutta colpa del retweet di un articolo  che elencava 10 buone ragioni per seguire un telefilm. Telefilm da noi mai visto né sentito tranne che per canali telematici, ovviamente.

Lost Girl - CastUn telefilm canadese che narra le avventure di Bo, una donna che si scopre essere una succube in un mondo in cui, sorpresa!, esiste una branca evolutiva di creature che si chiamano Fae, hanno poteri sovrumani, si nascondono in mezzo agli umani e, salvo poche eccezioni, si nutrono di umani.
Se Bo si nutre di “sexual qi” (baciando la gente o facendoci sesso. E uccidendola anche, a inizio telefilm…), c’è chi mangia cadaveri, chi si nutre di rimorso, chi provoca alla gente continui incubi di cui cibarsi.
Ce n’è per tutti i gusti.

Continua a leggere

Everything is better with pirates. And with crowd-founding!


Oggi è l’International Talk Like a Pirate Day, lo conferma anche wikipedia. E quindi quale giorno migliore per ri-parlare dei Dead Gentlemen e dei due The Gamers? Che c’entrano? C’entrano perché il secondo film ha risposto a una domanda che da secoli affliggeva l’umanità, ovvero “Chi vincerebbe, tra pirati e ninja?” La risposta è che vincerebbe la pizza, ovviamente.

E nello spirito cazzaro e goliardico dei Dead Gentlemen, di The Gamers e The Gamers 2: Dorkness Rising, sono lieta di annunciare che i ragazzi della DG a luglio hanno aperto un kickstarter per raccogliere fondi per realizzare un terzo The Gamers; che hanno raggiunto l’obbiettivo di 320.000 $; che l’hanno fracassato, l’obbiettivo, raccattando 400 mila dollaronzoli; e che l’umanità vedrà The Gamers: Hands of Fate. Evvai!

Da questo schema nasce il Talk Like a Pirate Day. Lunga vita al pastafarianesimo 😛

L’unica cosa negativa è non aver potuto contribuire alla raccolta fondi e ricevere una delle fichissime rewards (per dire, la miniatura del mound of dead bards sarebbe fichissima. Useless, ma fichissima!).
Le cose ottime sono che Monte Cook farà un altro cameo; nel film compariranno Pathfinder e Savage Worlds tra gli altri giochi; Sean Reynolds scriverà/sta scrivendo un modulo dal titolo The Shadow’s Dungeon; e che al Gen Con del 2013 dovrebbe tenersi un’anteprima, quindi la data di uscita del film nella sua interezza non è così lontana come temevo. Sembra inoltre che il film verrà inizialmente distribuiti a episodi, man mano che la lavorazione prosegue. Non vedo l’ora! *__*

Buon Talk Like a Pirate Day a tutti!