Il punto della situazione


tumblr_mpyrq8UFTL1r9mgqro1_1280Fare il punto della situazione, una volta ogni tanto, ha il suo perché. Mi serve per tenere d’occhio cosa devo fare.
E serve per farmi sentire in colpa quando riguardo i post e penso a quanto tempo è passato senza progressi. Belle cose.

Quindi, on with the show: cosa prevede il futuro?

Oltre a quella sbadaluffata e mezza di cose varie (eventuali o meno che siano) che non hanno attinenza col blog e che, per dirla brutta, non sono cazzi vostri, ho un tot di altre cose che bollono in pentola.

Continua a leggere

ebook a pagamento – A Song to Say Goodbye


Doveva arrivare domani, visti i tempi di norma non agilissimi di Amazon e la sua rassicurazione di aspettare 48 ore. E invece, a meno di 6 ore dall’inserimento, eccolo online.

Cosa?
Questo!

Copertina A Song to Say GoodbyeTitolo: A Song to Say Goodbye
Pagine: 40 a stampa, secondo i calcoli di Amazon
Genere: 2 Minuti a Mezzanotte. Quindi… supereroi!
Prezzo: in vendita su Amazon.it per 0.89 €
Link allo store: questo qui!
Copertina: Giordano Efrodini
Impaginazione: io. E non sapete quante imprecazioni l’hanno condita!
Trama: In una Los Angeles che ancora soffre per il terribile attentato terroristico dell’undici settembre 2001, una ragazza in abito da sposa e trucco da scheletro si prepara a festeggiare a modo proprio Halloween. Perché nell’America ucronica di Due Minuti a Mezzanotte i supereroi sono cosa di tutti i giorni, ma non sempre indossano tutine appariscenti.

A Song to Say Goodbye nasce come racconto di Halloween, pensato come “regalo” a me stessa per Ognisanti e come espansione del catalogo delle mie millemila produzioni.
E, lo ammetto, come modo per convincere Amazon a smetterla di visualizzare roba che non c’entra una fava quando uno clicca sul mio nome.
In aggiunta, fa da traino per il Paciugo, visto che, come m’ha detto lo sparring partner Germano, che l’ha letto in anteprima, è il biglietto da visita di Ollie.

Non vi tedierò con il ripetersi della maledizione dell’ebook riluttante e con la gioia di riuscire a ottenere un dannato mobi funzionante e con l’indice al suo posto.
Vi dirò solo che è stato divertente scriverlo e che spero vi diverta anche leggerlo.

Buon Halloween a tutti! Saranno giorni impegnati, sul blog 🙂

Parlano di A Song to Say Goodbye:
Alessandro Girola, qui.
Alessia Savi, qui.

Making of: Capitolo 17 di 2MMN


Nativity ebook bannerIl mio capitolo è online, quindi è ora del rito del making of.

Riletta tutta la round robin di fila e presi svariati appunti, tra cui una tabella excel (perché io sono caotica ascendente maniacalmente ordinata) e un bellissimo schemino coi disegnini (in cui mancano i due tizi di Fortress Europe), ho dovuto scegliere su cosa concentrarmi, definire le priorità della storia.

Ora, di punti aperti tanti ce n’erano e ne rimangono vari.
A fine meditazione e rilettura, alcuni mi premevano più di altri, perché cominciavano a intravedersi dei buchi orari qua e là, e mi sembrava necessario cercare di tapparli e dare coesione alla trama prima di avanzare troppo.
Di qui la scelta di occuparmi di parte del fronte greco (sfortunatamente, Clark, Bannon e Valerie non ci stavano nel capitolo) e di smuovere la squadra START, che da qualche ora ormai attendeva il via libera per partire * (e io m’immagino Ross, chiuso nella scatola di latta, con un fastidioso e ingrattabile prurito tra le scapole, da ore).
Il punto di vista di Scanner, sebbene non approfondito quanto avrei voluto, mi ha permesso di sbirciare nella testa di tutta la squadra; a chi verrà dopo il compito anche di decidere come esattamente i vari membri del gruppo reagiranno a quel che ha visto e sentito in tv. Continua a leggere

Suggestioni musicali per 2MM – parte 2


Continuiamo con l’esperimento iniziato la scorsa settimana. Questa volta… Massì, questa volta, complice anche il video che Massimo Mazzoni ha appena fatto ispirato dal mio post, partiamo proprio dal “figlio” di Massimo, ovvero Alexsej Stakanov.
Nel summenzionato video, Massimo ha scelto per Stakanov davvero una canzone perfetta: si intitola “Super Hero“, fa parte della colonna sonora di Lupin III e il testo, tra le altre cose, dice:

I’m the one, everybody’s waited for
Scream for me, a romantic modern hero
They need a hero, somebody they can look up to
I’m a super hero.

Perfetta, come dicevo, per Alexsej.

Continua a leggere

Un esperimento da telepati


telepatiaEra un po’ di tempo che volevo scrivere questo post e ripetere un “esperimento” che avevo già fatto millemila anni fa (spannometricamente, sette).

Ora, facciamo una premessa: come detto qualche tempo fa, sto scrivendo una storia il cui titolo di lavorazione è “Il grande paciugo”*. E in questa storia c’è un personaggio dotato di telepatia. Sì, sono ancora lì a scrivere di supereroi. So sue me.

Mi piace scrivere di telepati, anche se non sono ancora bene sicura del perché, dopo tutti questi anni. Credo abbia qualcosa a che fare con l’idea di poter toccare/vedere cosa le persone hanno veramente dentro, o forse con quella di poter comunicare in segreto e potenzialmente con la massima precisione…

Il punto è che scrivere di telepati è non solo divertente, ma anche complesso, perché col tempo mi sono resa conto che persone diverse pensano in modo diverso. E non sto parlando di associazioni di idee o cose simili. Sto parlando di che forma hanno i vostri pensieri. E di questo parlerà l’esperimento che voglio proporvi. Continua a leggere