Le domande giuste


Writer-Series2Ennesimo periodo di silenzio blogghistico (esiste, come parola? Da ora, sì, così è deciso), che, per fortuna, non è anche un periodo di immobilità creativa.

Il Paciugo è lì che attende ulteriori tocchi (mannaggia a me che sto pensando che potrei aggiungere questo, e mettere quello, sì ma come farlo funzionare? Potrei… E se invece…?), nel frattempo, mentre mi schiarisco le idee, scrivo.
Quella famosa antologia di tre racconti di cui parlavo qualche tempo fa, nel frattempo è diventata un’antologia di quattro racconti. Quasi pronta da dare in pasto ai beta-reader, devo solo sistemare qualche dettaglio qui e lì e prendere un paio di decisioni minori.

E nel frattempo… i dubbi.

Prendiamola alla larga, se non vi spiace: non scrivo per afflati artistici o romantiche seghe mentali su demoni interiori o simili. Il diciannovesimo secolo è finito e, per quanto sia affascinante, mi trovo meglio a scrivere con un’ottica meno angsty e a condividere quel che dice la mia amica Aislinn.
Scrivo narrativa d’intrattenimento, d’immaginazione. Voba gVossolana e volgaVe.
Così mi piace, ma ciò non vuol dire che, quando parto con una storia, mi limiti a buttare giù quel che mi viene in mente, esattamente come mi viene in mente, e via, con la scusa che tanto è solo roba grossolana e senza afflati artistici de sta ceppa. Continua a leggere

L’idiozia di papà Kent


L'ho più o meno promesso, quindi è ora di scriverlo: un bel post di cui non fregherà a nessuno su Man of Steel, che ormai hanno già visto cani e porci, e chi non l'ha ancora visto è perché non gli interessa o perché il mondo gli congiura contro (abbi fede, Giordano! Un giorno lo metteranno in programmazione!).

Seguiranno spoiler, come se piovesse. Quindi, o voi che ancora non l'avete visto, Man of Steel, e volete vederlo senza sapere già cosa-come-quando-perché, smettete di leggere. Ora. Subito. Stop.

Se state ancora leggendo, cazzi vostri, v'avevo avvertiti.

Continua a leggere

Libri per bambini che no, grazie, teneteveli!


Parliamo di libri per bambini. Sì, argomento strano, ma datemi corda.

C’è in particolare un libro per bambini a cui sto pensando in questo momento. Si intitola “Arcobaleno, il pesciolino più bello di tutti i mari”. È la storia di un pesciolino con le scaglie bellissime, multicolori e iridescenti. Un pesciolino bellissimo e invidiatissimo. E solo come un cane. Finché un altro pesciolino non va a chiedergli una scaglia in dono: è così che il nostro pesciolino dalle scaglie bellissime scopre che se regala una scaglia a un altro pesciolino che gliel’ha chiesta, avrà un nuovo amico.

Finisce col pesciolino senza più manco una scaglia colorata, a tutti gli effetti imbruttito/normalizzato. Ma pieno di amici, eh!

Vi dice niente?

Continua a leggere

The joy of junk


Ho trovato questo articolo, ieri sera. Che io a Richard Kadrey voglia un sacco di bene è cosa nota, e sentirlo parlare di certe cose, me lo fa amare ancora di più. Quindi, tiè, la traduzione del mini articolo, che rimane copyright del sito www.powells.com e del signor Kadrey:

Sono cresciuto circondato da letteratura d’immaginazione. Mia madre mi leggeva i Fratelli Grimm quando ero piccolo. Più tardi, scoprii i romanzi pulp di fantascienza ingialliti e friabili del negozio di libri usati locale. A 10 centesimi l’uno, erano una scelta obbligata per un ragazzino con pochi soldi. Amavo i film horror e di fantascienza. Mia madre lavorava con un comitato che metteva su rappresentazioni di Shakespeare a Prospect Park. Vedere una messa in scena di Sogno di una notte di mezza estate è uno dei miei ricordi migliori dell’essere un ragazzino a Brooklyn.
Guardando indietro alla mia scrittura, quasi tutto quello che non era giornalismo o una recensione era fantascienza o fantasy. Non mi è mai venuto in mente di scrivere della fiction realistica che trattasse temi sociali in modo toccante e sincero, perché quella era la mia vita. Chi voleva leggere di me che crescevo spiantato a mangiare solo maccheroni per giorni e giorni di fila? Mentire e parlare di viaggi su pianeti diversi o regni sottomarini era molto più interessante.
La sensazione era la stessa durante l’adolescenza, ma accadde una cosa strana quando le mie storie iniziarono ad essere pubblicate. Iniziai a mentire sul mio lavoro. Fuori, nel mondo lavorativo adulto, scrivere fantascienza e fantasy suonava nel migliore dei casi frivolo, e pure un po’ stupido. Fantascienza, horror e fantasy erano roba per bambini, e non qualcosa a cui un adulto avrebbe dovuto pensare, tantomeno scrivere. Senza accorgermene, avevo imparato quello che la scuola e il mondo letterario rispettabile avevano insinuato per tutta la mia vita, che la fantasia era cattiva e infantile. La fantasia era qualcosa che andava bene per Esopo, Mary Shelley e gli stranieri, ma non per un adulto americano del 20° secolo rispettoso di sé.
Penso che il mio atteggiamento iniziò a cambiare quando imparai la parola giapponese “gomi”, che significa spazzatura. Forse era il post-adolescente punk latente in me, ma per qualche ragione, sentii una connessione con la parola e immediatamente ne abbracciai il senso. Spazzatura era quello che costituiva la maggior parte delle nostre vite. La musica rock. I film d’azione. Il cibo dei fast food. Perfino i vestiti di surplus dell’esercito che i miei amici ed io indossavamo quando avevamo vent’anni perché erano tutto quello che potevamo permetterci. Gomi era dove la maggioranza di noi viveva, e sapevo che era importante.
L’arte alta era rispettabile, ma in più intimidiva. Il rock and roll, i fumetti e i film fantasy non avevano mai intimidito nessuno. Sapevo che se nelle mie storie avessi fatto scivolare un po’ di verità sul mondo tra un alieno e un demone, sarebbe riuscita a volare sotto il radar e a colpire più gente che se avessi tentato di essere John Updike o Steinbeck. Perciò, divenni un imbonitore da fiera invece che un autove.
Sono ancora un mercante di robaccia. Per più di 10 anni, la mia ragione sociale è stata Gomi Boy Industries. Amo la spazzatura. Sono spazzatura. E ne sono fiero.

Ecco, devo spiegare anche perché, a modo mio, mi ritrovo in quel che scrive Kadrey? Devo davvero spiegare perché scrivo “spazzatura”? Perché adoro la “spazzatura”? Perché, sì, lo ammetto, certe volte mi trattengo dal dire cosa esattamente scrivo? * Perché mi sento dire “ancora con quelle puttanate di fantascienza?“? Devo davvero commentare?
No, non credo.
Viva la spazzatura. La amo, lo sono, ne vado fiera, e in culo al resto!

________________________
* Sì, ok, questo ho voglia di spiegarlo: mi trattengo dal rivelare la completa e scottante verità non per vergogna, ma per la semplice ragione che c’è gente, là fuori, con cui non vale nemmeno la pena di sprecare il fiato per enunciare il concetto di “Scrivo narrativa fantastica e fantasy. No, non è per bambini. No, non ci sono elfi, o, se ci sono, sono convinti che l’unico modo per riunirsi agli dei sia distruggere il mondo, preferibilmente dandogli fuoco. No, non mi vengono in mente modi più produttivi per buttare il mio tempo, mi spiace.”
So, you see, that’s the reason why.