La gentilezza vi appartiene


Ieri ho urlato sul lavoro.
Non è stato esattamente il vertice della professionalità, da parte mia, ma non ho retto.

20081222-dizionarioNello specifico, non ho retto a un cinquantenne che ha fatto di nuovo la cosa che io gli avevo chiesto con fermezza di non fare mai più. Ovvero, ignorare me e la mia lezione per guardare sul dizionario cose non pertinenti (grazie alle quali poi deragliare la suddetta lezione) e finire col dovermi chiedere di rispiegare le cose che avevo ampiamente illustrato mentre lui era tutto intento a sollazzarsi col dizionario.
Quindi, shame on me, ho urlato.

Ho urlato perché ne avevo le tasche piene, ho urlato perché ero stanca, ho urlato perché era un cinquantenne, non un bambino dell’asilo, a non essere in grado di rispettare una richiesta più che ragionevole.
Ho urlato perché era una palese mancanza di rispetto.
Ho urlato perché il cinquantenne ha avuto la faccia tosta di dirmi “Ma la lezione è finita, pensavo…” quando alla fine della lezione mancava ancora un’ora e tre quarti, e 15 minuti ancora ci separavano dall’intervallo.
Ho urlato perché sono sanguigna, e quando scoppio, scoppio.

“Si ricordi che lei è una donna,” ha detto il cinquantenne.

E il mio cervello ha avuto un momento di “Cosa. Cazzo. Stai. Dicendo? Non avrai il coraggio di-”
Certo che ha avuto il coraggio!

“Si ricordi che lei è una donna,” ha ripetuto, per poi aggiungere: “le donne dovrebbero essere gentili, la gentilezza vi appartiene.”

Nella mia testa è partita una visione mistica in cui qualcosa di grosso e cattivo, con più artigli e zanne che gentilezza, sollevava il cinquantenne, lo sbatacchiava per la stanza, gli squarciava la gola a morsi, gli strappava il cuore, se lo mangiava di gusto e poi, urlando tutta la propria giusta furia, gettava il cadavere malmenato fuori dalla finestra.

Il cinquantenne può ringraziare tutti i santi (e gli dei, e le fate madrine, e gli spiriti benevoli) di questo mondo e ogni altro, perché ancora vive, respira e non gli mancano arti.
Può ringraziare che ero seduta alla cattedra, e lui era in fondo all’aula.
Può ringraziare che ho solo urlato, senza tirare fuori tutte le parolacce e gli insulti che si era appena guadagnato.
Può ringraziare che invece di gettarlo fuori dall’aula per essere stato un coglione maschilista irrispettoso e senza spina dorsale, si è preso solo la frase “La gentilezza si merita. Tu non te la sei guadagnata.”

La cosa che mi dà più fastidio di tutto questo è essermi sentita ridurre a una generalizzazione del cavolo, una frase fatta come tante.
I cani sono fedeli.
I gatti sono subdoli.
Non ci sono più le mezze stagioni.
Le donne sono gentili.
L’uomo ha da puzzà.

Millenni di donne che sono (anche) altro, oltre a gentilezza, dimenticati come sempre.

È più facile pensarci solo come creaturine dolci e gentili.
Vederci incazzate come iene perché siamo state trattate senza il minimo rispetto professionale dev’essere destabilizzante, rompe lo schema predefinito in maniera troppo violenta.

E no, venirmi a dire a fine lezione che di tutti i tuoi insegnanti in materia sono stata la più chiara, la più precisa, non mi rabbonisce per niente.
Al contrario, mi fa incazzare ancora di più: se sono un’insegnante così chiara e precisa e interessante e tutti gli altri complimenti che mi fai, perché ti senti in diritto di ignorarmi e mancarmi di rispetto?

Sì, Fiona, spariamo, che forse è meglio.

Annunci

6 commenti su “La gentilezza vi appartiene

  1. Il dizionario potevi, con tanta gentilezza, tiraglielo in faccia.
    O, senza per forza causargli menomazioni fisiche, gettarlo dalla finestra.
    Mi inquieta molto un risvolto oscuro di questa vicenda: se noi dobbiamo essere gentili in quanto donne, il caro cinquantenne pensa forse che sia lecito per lui essere cafone in quanto uomo?

    • La minaccia originale era che il dizionario avrebbe preso lezioni di volo, se fosse ricomparso, ma alla fine ho preferito evitare di causare incidenti, o ferire qualche ignaro passante.
      Sul risvolto… eh, io credo che il problema di essere un cafone non se lo sia nemmeno posto. Lui sorride, ti dà del lei, ti dà le pacche sulle spalle quando entra in aula (ma tieni le mani a casa, uomo!), lui è gentile, no? Lui è educato, no?
      Ri-sigh.

  2. Un po’ come l’adolescenza, la mezza età è una fase critica, alcuni ne escono con maturità, altri pure a 50 anni escono solo dalle caverne. Solidarietà.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...