Costiamo troppo


Non so se quello che seguirà sarà un rant senza capo né coda, o un articolo sensato, stasera si va a ruota libera, quel che viene, viene.

Punto di partenza: come ogni anno, le case di produzione di videogiochi si stanno facendo belle durante quella gigantesca vetrina internazionale che è l’E3.
Grandi annunci. Grande hype. Caccia aperta alla visibilità.
Si cercano pure preordini, magari per giochi che usciranno in un qualche nebuloso momento dell’anno successivo. Così è il mercato.

Normale quindi che la Ubisoft presenti in tutte le salse il prossimo gioco del franchise di Assassin’s Creed. O meglio, uno dei due prossimi.
Assassin’s Creed Unity. Ambientato nella Francia della Rivoluzione, esattamente come avevo vaticinato alla fine di Assassin’s Creed 3. Ma senza Connor come protagonista.
A questo giro, invece, tal Arno Dorian.
Sì, Arno. Scritto così. Le matte risate.*

Ciò che indispettisce, inviperisce e fa parlare, è una questione che la copertina del gioco, già da sola, mette in evidenza: per la prima volta un titolo del franchise supporta la cooperazione tra giocatori e puoi vestire i panni di un assassino completamente customizzabile.
Maschio.

AC Unity - copertinaNo femmine.

Nope, sorry. Niente femmine.
Solo maschi bianchi.

Perché, dicono

It’s double the animations, double the voices, all that stuff, double the visual assets—especially because we have customizable assassins.

Quindi solo maschi perché le assassine costano troppo.
Una spiegazione che non sta in piedi, però.
E non solo perché, come dice l’ex animatore della Ubisoft Jonathan Cooper,

In my educated opinion, I would estimate this to be a day or two’s work. Not a replacement of 8000 animations.

Aveline de Grandpré

Aveline de Grandpré

Ma anche perché la serie ha già usato decine di assassine.
C’erano le assassine italiane di Brotherhood.
C’erano le assassine nella Costantinopoli di Revelations.
C’era l’assassina di AC3.
C’erano le 3 assassine di AC4 Blackflag.
C’erano le templari del multiplayer di Revelation, AC3 e 4. Donne. Assassine. Giocabili. In multiplayer.

Per non parlare di Aveline, l’unica protagonista femminile di un gioco del franchise, Liberation. [Peccato fosse un gioco per console portatile (quindi investimento e rischio minore) e che su console “serie” la si sia giocata solo per un paio d’ore, grazie a un porting, ma ehi, una protagonista femmina, incredibile!]

La cortigiana, dal multiplayer di Brotherhood

La cortigiana, dal multiplayer di Brotherhood

Decine di assassine PNG e non.
Che diavolo ci vuole a adattare parti di quel che già hai anche solo per darmi l’estetica di un’assassina?
Lo avete fatto con Costantinopoli, e prima con Roma, ciascuna delle quali incorporava elementi del design delle città dei giochi precedenti, semplicemente mixati in maniera diversa e con una spolverata di atmosfera diversa. Non riuscite a fare la stessa cosa con dei personaggi? Le case sì, le donne no?

Double the voices.
Devo davvero credere che nella modalità co-op la mia eventuale assassina monologherebbe per ore sul più e sul meno mentre ammazza la gente?
Mi state coglionando, vero?

Rhona Dinsmore, da AC 4 Blackflag

Rhona Dinsmore, da AC 4 Blackflag

Deduciamo che, nonostante decine di PNG femminili nelle trame principali e delle svariate donne disponibile per il multiplayer, nessuna sia interpretabile in modalità cooperativa perché…
Uhm…
Dev’essere perché, evidentemente, per cooperare bisogna… boh, essere maschi? Avere le palle? Essere maschi tenebrosi?
Non si sa.

Si sa invece che passa qualche ora e Ubisoft risponde alla questione dicendo, in pratica “Eh, oh, che lagne! Abbiamo già fatto tanto per includere personaggi diversi negli altri giochi, su da dos!”
E ci tiene a sottolineare (traduzione mia) che

Assassin’s Creed Unity è focalizzato sulla storia del personaggio principale, Arno. Che tu stia giocando da solo o con le Esperienze Condivise in co-op, tu giocatore starai sempre giocando come Arno, completo della sua vasta gamma di equipaggiamento e abilità che ti faranno sentire unico.

Il che… no, seriamente, che vorrebbe dire?
Che nella versione co-op, io gioco Arno, i miei colleghi di co-op giocano il loro Arno, ma ci vediamo a vicenda come degli Assassini random ma, ehi, perfettamente personalizzabili, e nella personalizzazione dei nostri assassini random non è previsto che possiamo volerci far vedere dagli altri come femmine perché oddio un uomo che viene visto come femmina aiuto la confusione sessuale?
O cos’altro?
No, qualcuno me lo spieghi, seriamente.
Perché se è come ho scritto io, siamo di fronte a una grossa idiozia e al fatto che la prima spiegazione (lavoro doppio, non ci stiamo nel budget e nei tempi) era una palla conclamata.
E se non è come ho scritto io, che cosa dovrebbe voler dire questo comunicato stampa? Parole a caso, tanto i giocatori non capiscono comunque?

L'assassina Taino. Cultural diversity o solo un PNG esotico dall'accento buffo?

L’assassina Taino, da Blackflag. Cultural diversity o solo un PNG esotico dall’accento buffo?

Sia come sia, mi fa incazzare che Ubisoft ci stia chiedendo di lasciar correre questa stronzata in virtù di aver presentato dei personaggi variegati.
“Avete avuto Aveline!” Sì, in un gioco per console portatili e per un’oretta di gameplay su quelle “cicce”. Sticazzi.
“E Connor!” Sì, uno dei vostri peggiori personaggi, complimenti vivissimi in eterno!
“E Adewale!” Un personaggio molto interessante, ma, a meno di non comprare il suo DLC a pagamento, era solo un altro PNG che faceva colore (pun not intended) e, in quanto secondo in comando, praticamente era rivettato sul ponte della nave. Non granché spazio per brillare sul serio.
“E c’era Altair!” E me lo metti per ultimo, forse perché consapevole che ben poco, in chi era e cosa faceva, lo differenziava da un generico white-cis-male. Poteva chiamarsi Mario Rossi o John Smith, non sarebbe cambiato nulla in come si comportava e come agiva.

La teatrante, da Revelations

La teatrante, da Revelations

Mi stanno chiedendo di non fissarmi sulla loro decisione becera perché tanto hanno già fatto tanto per la causa dell’inserimento, della cultural diversity, del rappresentare fasce di pubblico più larghe.
Abbiamo già faticato tanto, sembrano dire, ora lasciateci fare quel cazzo che vogliamo.

Perché loro, poveri, si sono scontrati con “la realtà della produzione“, parole loro.

Considerando che c’è gente che non vuole capire che la questione non è sul protagonista maschile, ma sull’assenza di variabilità reale del multiplayer (fino ad ora sempre ampiamente variabile), o che forse sta solo cercando di deragliare la discussione in quella direzione perché è bello…
Beh, considerato tutto quanto, sì, sono un po’ incazzata.

L’ultimo Assassin’s Creed non era nulla di che, della trama non mi fregava un cazzo, le missioni erano ripetitive quando non idiote, poteva chiamarsi Pirate Simulator 2013 e non sarebbe cambiato troppo.
Qui ci aspetta l’ennesimo gioco con protagonista un testosteronico maschio bianco etero sui 30 che va e ammazza gente perché something something Assassini e Templari. La grafica sembra bellerrima, il gameplay la solita minestra riscaldata più volte.

Mary Read. Avrei giocata un intero gioco su di lei!

Mary Read. Avrei giocata un intero gioco su di lei!

Il problema è che non basta la grafica bellerrima.
Non bastano le scuse idiote che puzzano di scusa idiota lontano un miglio.
Una, a un certo punto, si stufa anche un cicinino di essere presa per il culo, di sentirsi dire “Ehi, abbiamo già fatto tanto per includere la diversità con questi personaggi secondari e/o mal riusciti, ora zitta e gioca col tuo trentenne maschio bianco etero!”

Una, a un certo punto, vorrebbe qualcosa in più.

Mi accontenterei di poco.
Davvero volete farmi credere che il mercato non è pronto per avere una donna come protagonista di un gioco ad alto budget della serie di Assassin’s Creed? Ok, va bene, suona come una grossa stronzata, ma potrei anche accettarla.
Potrei accettare, sì, di non avere una protagonista femminile, ma solo se mi date una diamine di assassina pienamente customizzabile per la modalità co-op, eccheccazzo!

_______________________
* Io e il moroso abbiamo ipotizzato fosse il discendente di una famiglia toscana da troppo tempo in Francia che ha chiamato il bimbo con ‘sto nome deficiente. O di qualcuno che non sapeva che Arnaud si scrive Arnaud e non Arno.
Ma sembra che sia solo un franco-austriaco il cui nome vuol dire “aquila possente”. Ormai se non infilano un rapace da qualche parte, quelli nel reparto sceneggiatura vengono giustiziati in sala mensa.

 

Annunci

4 commenti su “Costiamo troppo

  1. Uno strano passo falso proprio nel momento in cui il dibattito sull’esclusione delle donne dalla cosiddetta “cultura geek” (ma che è? bah!) è al suo massimo storico.
    A meno che non si fossero stufati del franchise, ed abbiano deciso di “suicidarlo” inmaniera spettacolare.
    Oppure è già pronto l’expansion pack con i personaggi femminili, acquistabile separatamente per una cifra x.
    Oppure sono stupidi.
    Comunque è strano.

  2. E’ uno dei tanti tasselli che compongono il grande puzzle dell’impoverimento e della banalizzazione del gioco di consolle.

  3. Il suicidio assistito del franchise è improbabile, quest’autinno dovrebbero uscire ben due giochi per console “serie”, sembrano ancora intenzionati a mungere la mucca, fosse anche l’ultima cosa che fanno…
    Sfortunatamente, tuttavia, l’opzione Expansion Pack non suona così perregrina. Disgustosa ideologicamente, ma per nulla peregrina viste certe tendenze del mercato 😦
    Che sia solo un autogol da ciecità assoluta ai trend culturali o una manovra commerciale andata male, stanno gestendo l’intera faccenda molto male, IMHO.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...