Kill the subtitles!


Quanta gente c'è dietro a un dvd o un blu ray? Ci sono quelli che adattano, doppiano, traducono, scrivono sinossi, preparano menù, sottotitolano. Gente che lavora per noi, e noi manco sappiamo chi sia. Gente che a volte vorresti conoscere per sputarle in un occhio.

Io ci provo, a essere zen, a lasciar correre, a non incazzarmi per certe minuzie, e fino a un certo punto ci riesco. Poi arriva la sera in cui io e il MPPDM ci guardiamo Kill Bill vol. 1, che nessuno dei due ha mai visto per intero. Selezione lingue: italiano, no sottotitoli. Play.

Il film inizia, procede tanquillo, poi arriva il momento con La Sposa che se ne esce da una casa e una voce maschile dice qualcosa, ma in giapponese. Niente sottotitoli, non abbiamo idea di cosa abbia detto. Buffo, chissà, magari Tarantino l'aveva pensata così, con la massima in giapponese di cui tu non devi capire nulla.

Però… No, Tarantino non l'aveva pensata così. Ne hai la conferma quando La Sposa va a Okinawa per cerca Hattori Hanzo, e nel localino avvengono non uno, non due, ma tre scambi di battute tutti in giapponese non sottotitolato… E allora metti in pausa, vai al menù, cambi la lingua in inglese, e lasci sempre senza sottotitoli.

E cosa scopri? Che Tarantino non é pirla come l'adattamento italiano lo fa sembrare, ché a guardare il film in lingua originale i discorsi in giapponese sono in giapponese, ma ci sono dei cazzo di sottotitoli, diversi da quelli per non udenti, con una santa traduzione.

E allora torni al menù, riporti l'audio all'italiano, e aggiungi i sottotitoli per non udenti in italiano. E sorpresa: non solo ci sono le traduzioni del parlato in giapponese, ma ci sono pure titoli e autori delle canzoni in sottofondo! La presa per il culo è massima, l'incazzatura notevole!

Cara grazia che al secondo dvd deve avere lavorato qualcuno di più furbo e non ci è toccato sorbirci i sottotitoli sempre allo scopo di capire cosa abbaiava quel coccoloso del maestro Pai Mei!

 

(e soffermiamoci solo un secondo, prima di stendere un velo pietoso, sul fatto che in inglese non c'è il narratore a leggere “Chapter One”, “Chapter Two” e così via, ma è un'esclusiva tutta italiana che la dice lunga sul terrore dell'analfabetismo di ritorno. E pure sulla schizofrenia di chi ha sottotitolato il volume 1).

 

Advertisements

Un commento su “Kill the subtitles!

  1. Pingback: I miei film delle vacanze | Space of entropy

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...