Processo


Ok, l’ispirazione folle è arrivata, so che me ne pentirò tempo zero ma chissene.
Questo è uno dei due sgorbi “pronti”. Certo, pronti, come no… A rileggerlo mi sono intristita e gli ho dato una riassettata. Non ce n’è come due anni a decantare per rendere evidenti alcune magagne. Il racconto è breve, 495 parole: era per un concorso che aveva il vincolo di massimo 500 parole. Questo è quel che è uscito.
È un piccolo sgorbio, per di più ambientato in un contesto più ampio che qui compare di striscio… “perfetto” come stand alone… =_=
Buona lettura.

[EDIT: Ho corretto l'errore di battitura segnalato da elgraeco. Speriamo non ce ne siano altri] 

Kilune guardò il Giudice negli occhi con aria di sfida. Il Giudice ricambiava lo sguardo: indecifrabile. Kilune contrasse la mascella, i pugni serrati e i muscoli tesi. Era una battaglia anche quella. Aveva lottato per tutta la vita, quindi avrebbe combattuto anche quest’ultima volta: la differenza era minima. “Chi attacca per primo è un passo più vicino alla vittoria!” si disse Kilune, quindi parlò, cercando di mantenere la voce sicura e il tono ragionevole.
-Tutto quello che ho fatto, l’ho fatto perché in quel momento era la cosa giusta. Non mi pento di nulla: ho mentito, tradito, ucciso, torturato. Ho fatto tutto quello che dovevo fare per sopravvivere e diventare più forte. Nessun pentimento.
-Neanche per quel sacrificio? -domandò calmo il Giudice, accarezzandosi il mento.
-Erano bestie, nulla più! -le parole uscirono dalla sua bocca velenose. Ritrovò un po’ di calma e equilibrio e proseguì: -Loro morti, io immortale: si sono resi utili.
-Però sei qui… -mormorò il Giudice, gli occhi fissi nei suoi, con un leggero sogghigno.
-Il sacerdote deve aver sbagliato qualcosa! -esclamò Kilune furente. No, la calma non era sua compagna quel giorno. “A quel paese la calma!” Di nuovo parole velenose: -Quel cane di un Urdimita ha sbagliato!
-Forse sei tu che hai sbagliato, non solo lui: troppa fiducia. O forse non hai capito bene.
-Fesserie! -urlò Kilune facendo un passo avanti mentre le labbra del Giudice si increspavano. -Immortale, ha detto. Uccidili, ha detto. La ragazzina è speciale, lei per ultima. E io l’ho fatto. Li ho aperti come le bestie che erano, ho sentito i loro cuori battere sulla punta del coltello. Non ho esitato. Ho fatto quello che era necessario.
-Forse non era abbastanza. Forse dovevi fare di più. -insinuò il Giudice.
Lo stupore si impadronì di Kilune. Fare di più? Cosa poteva fare di più!? Quella notte aveva ucciso… quante?… trentacinque persone, inutili contadini dalle vite ancora più inutili, bestie da pascolo che aveva sacrificato a Ptesichen Urdimian, seguendo le istruzioni di quello stupido sacerdote, per diventare un Senzamorte.
E aveva ucciso la ragazzina. Il sacerdote aveva detto che era speciale, che in lei c’era una scintilla in più; c’era addirittura la possibilità che avesse il Fiume, la magia. Mentre col coltello si apriva la strada nella sua carne, Kilune aveva avuto la sensazione di qualcosa di diverso. Il volto della ragazzina si era impresso a fuoco nella sua mente. Averla uccisa, stranamente, le pesava più di ogni altra vita che aveva troncato: il più grande peccato della sua esistenza.
-Io… -mormorò Kilune. Voleva riempire il silenzio ma sapeva che il Giudice si sbagliava: non avrebbe potuto fare nulla di più.
 -Sarai un acquisto interessante.
-Cosa…
-Tranquilla, piccola anima, mi prenderò io cura di te. -disse il Giudice, le labbra dischiuse in un sorriso terrificante composto da troppe file di denti aguzzi e seghettati per essere reali. Tre metri di muscoli e forza si alzarono dal trono e la afferrarono, stritolandole il braccio. -Benvenuta all’Inferno, piccola schiava.

Annunci

5 commenti su “Processo

  1. "-Quel cane di un Urdimita a sbagliato!"

    Certo che se inizi così… 😀 LOL

    Comunque, il tuo stile mi piace. Mi azzardo anche a dire che scrivi bene.
    E adesso? Come la mettiamo? 😉

    p.s.: poi, ve vuoi un commento più dettagliato te lo posso inviare in pvt.

  2. =_= Io a questa tastiera tra un po' do fuoco…
    Quella che hai segnalato, Hell, è una delle frasi sistemate da poco e soffre del fatto che la mia tastiera sta cominciando a morire dalla "H", che ogni tanto non compare nel testo anche se schiacciata a dovere dalle mie dita.
    Maledetta h! Che figure di palta che mi fa fare! 😦

    Vai col commento privato in dettaglio, lo trovo più preoccupante ma utile di uno stringato 😉

    Thx for reading!

  3. Mai dubitato che non si trattasse di un errore di battitura, eh. 😉
    Per quanto riguarda il commento in pvt, posso usare la tua mail che figura sul mio blog? Altrimenti, come?

    🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...