Uomini, donne e videogiochi


Leggendo in giro, mi è cascato l’occhio su un articoletto che parlava di una ricerca della Stanford University secondo la quale i videogiochi hanno più presa sugli uomini che sulle donne perché negli uomini darebbero ampio spazio agli istinti primitivi di conquista e di sfida (situati nell’amigdala), mentre nelle donne la stimolazione di tale area è più ridotta.
Credo di essere un’eccezione…
L’articolo generalizza con una bella frase come “D’altronde, quante ragazze si chiedono tutti i giorni come fanno i loro partner a passare ore davanti ai videogiochi senza annoiarsi mai?”. La mia risposta alla domanda è “Molte, ne sono sicura. Ma nel mio caso è Higgins a chiedermi se non mi annoio a giocare ancora e ancora all’ennesimo videogame!” E non è il primo a dover quasi lottare con il pc o la console per avere la mia attenzione! ^_^'
Desiderio di sfida e di conquista? Certo che li sento! A volte mi trovo a desiderare un nuovo videogioco per il semplice piacere di immergermi in un nuovo universo di immagini, suoni e idee, ma anche per la voglia matta di sfidare me stessa, imparare, migliorare e vincere, se è il caso anche di uccidere-uccidere-uccidere. 🙂 Niente di troppo truculento, ma un bel Icewind Dale 2, Baldur’s Gate 1 e 2, cose così, dove devi pensare almeno un po’, ma non troppo, e il resto è uccidere mostri e trovare tesori (neanche poi così nascosti)…
Ah, i piaceri della vita! ^__^
Annunci

2 commenti su “Uomini, donne e videogiochi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...