Cazziatone


Oggi la lezione del Logorroico (la prima che seguo da secoli…) è iniziata in maniera spettacolare: venti minuti circa di smaronamento durante i quali ci ha letto un lunghissimo cazziatone che un altro professore dell’università ha messo on-line e poi ha provveduto a rincarare elegantemente la dose, dicendoci, tra le righe, che lui ci ha fatto una figura di palta.
Argomento del cazziatone il fatto che gli studenti hanno tenuto un comportamento deplorevole durante una conferenza tenuta nelle ore del Logorroico.
Io non c’ero, alla conferenza incriminata, ma a quanto mi dicono la conferenza era di una noia mortale (anche se forse non peggio del Logorroico stesso) e su un argomento che nessuno ha più di tanto capito: di qui il fuggi fuggi continuo di coloro che erano riusciti a sedersi nella seconda metà dell’aula, protetti dall’anonimato e dall’oscurità e per questo con meno remore ad andarsene vista la noia sconfinata.
Il cazziatore ha avuto l’eleganza di dire che scriveva quelle due righe di getto, il che è una doppia cazzata: “due righe” sono due righe, non un papiro; e “di getto” vuol dire sulla scorta dell’emozione o impressione momentanea, non mettendosi lì ad arrampicarsi sugli specchi per sembrare ancora più sarcastici. Quel cazziatone gronda rilettura, gronda labor limae, gronda tutto tranne che “di getto”.
E poi: è mai possibile che TUTTI sti professori se la prendono se la gente beve una bottiglietta d’acqua in classe?! Avete tutti 40 anni o più, il fatto che secondo voi non si debba bere neanche un sorso d’acqua in 2 ore vuol dire che i vostri reni ormai sono a un passo dalla morte ma non lo sapete!
E poi ancora: le lezioni non saranno a frequenza obbligatoria, non ci sarà l’obbligo di firma, ma è come se ci fosse! Ogni corso inizia con un professore che ti dice che a lui/lei non gliene frega un fico se tu frequenti o no, ma che è meglio per te se lo fai perché
1) non facendolo ti perderesti perle di saggezza impagabile senza le quali la tua vita sarebbe uno spreco di tempo e grazie alle quali la tua misera esistenza di microcefalo, invece, ne uscirà nobilitata;
2) se non frequenti devi portare un programma diverso: tipo questi altri quattro libri pesanti come la morte e brutti come il peccato, che neanche gli autori hanno avuto il coraggio di rileggere da quanto erano brutti;
3) se non frequenti vuol dire che a te non frega assolutamente nulla di questa università, di questo corso, della Cultura (sì, quella con la C maiuscola) e dell’Arte. Sì, anche questa con la A maiuscola, e senza partizioni, perché non seguire questo corso è dispregiare tutta l’Arte, anche se questo è il “fondamentale” corso di Storia dell’Arte degli Aborigeni Pigmei della Papuasia Orientale Standardizzata (e tu vorresti concentrarti sulla Storia dell’Architettura, pur con tutto il rispetto per gli Aborigeni Pigmei della Papuasia Orientale Standardizzata…)
Conclusione del cazziatone era il fatto che perdiamo tempo in maniera inutile, sprecando non solo il nostro, ma anche il tempo degli altri.
 
Pensierino della buona notte al prof che cazzia la gente perché perde tempo: ti ricordi che sono tre mesi che devi portare in copisteria il CD con le immagini del tuo corso e che senza la gente non può fare il tuo esame? Invece di perdere tempo a cazziare la gente perché fugge dalla noia, prepara sto benedetto cd e fai un po' di gente felice! 😛
Advertisements

2 commenti su “Cazziatone

  1. Pingback: Correzione | Space of entropy

  2. Pingback: Tecnologia, questa sconosciuta | Space of entropy

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...