D&D


D&D, ovvero Dungeons & Dragons, ovvero Sotterranei e Draghi.

Ma per fortuna, quando D&D giunse in Italia, non subì l’effetto della moda tutta italiana di tradurre tutto anche quelle che non serve. Moda imperante tutt’ora, che dà risultati degni del peggiore autore comico, effetti ridicoli e stranianti (il protagonista di un romanzo francese che si chiama Carlo suona sempre un po’ pittoresco…) quando non direttamente fraintendimenti colossali.

D&D è stato da questo punto di vista abbastanza fortunato, e noi oggi possiamo dire di giocare a Dungeons & Dragons, che suona mille volte più fico di “Sotterranei e Draghi”!

Bene, stasera si gioca di nuovo a D&D dopo mesi di pausa per cambio gioco: cominciavo ad essere in astinenza da D&D, quel benedetto gioco da dipendenza mentale 😛

Si torna a giocare dopo mesi e ci vuole un attimo per recuperare le fila della memoria, ricostruire quel che si stava facendo, perché, dove, come ci siamo arrivati e anche chi siamo. Sì, anche chi siamo, perché quando cominci ad avere giocato un po’ troppe campagne con gli stessi giocatori, alcune cose si fondono le une nelle altre e ti viene il dubbio di quale personaggio un giocatore stia al momento impersonando.

In un gdr perfetto con giocatori perfetti, non si potrebbero avere dubbi di sorta, perché ogni giocatore interpreterebbe il personaggio in maniera completa e complessa, dandogli una psicologia sfaccettata e il meno stereotipa possibile. Visto però che noi siamo persone comuni e visto che la perfezione è un obbiettivo cui non aspiriamo, succede che tutti i personaggi di un giocatore tendano ad avere gli stessi tic, le stesse passioni, ad assomigliarsi un po’ tutti anche se appartenenti a razze, sessi, classi e allineamenti diversi.

Ecco che Lara Forcedancer e sua sorella Lara Corpsedancer sono due fotocopie non solo perché sono gemelle, ma anche perché hanno la stessa identica personalità (due psicopatiche che adorano uccidere, una per il gusto di uccidere, una per il gusto di riportare in vita).

Ed ecco che Lara Forcedancer e un’altra maga dal nome dimenticato (giocata un paio di sessioni o giù di lì) hanno le stesse manie di persecuzione, sono ugualmente vendicative e astiose, anche se di allineamento diverso e in ambientazioni diverse.

Ed ecco che Vilyt Harnastin, Brianne Deeptown e Aphrael Von Zarovich, pur avendo vissuto vite molto diverse, tendono ad avere la stessa psicologia: uccidi-il-mostro-o-muori-combattendo…

 

Comunque stasera party dei cattivi, ovvero 4 mine vaganti che rotolano per il Faerun portando caos e distruzione con loro…

Abbiamo la summenzionata Lara Forcedancer, un delicato donnino che si è unito al gruppo dopo aver ucciso sua sorella Lara Corpsedancer (precedentemente parte della combriccola). Le doti di Lara sono la sua competenza con la magia (conjurer che ha scelto la strada dell’Argent Savant per fare ancora più dolore a chi la ostacola), la sua innata simpatia (Lara: “Lancio la Vetriolic Sphere massimizzata sulla guardia hobgoblin!” Master: “Va bene. L’hobgoblin aveva 16 pf. Hai ucciso lui e sciolto il pavimento sotto di lui per alcuni metri di raggio. Gli avventori sono scappati dalla taverna, terrorizzati.” Lara: “Beh, ora sapranno che sono affidabile, no?”), la sua sicurezza (“Io sono al centro, un draghetto a destra, uno a sinistra, la guardia del corpo davanti, gli stivali del teletrasporto ce li ho, posso usare l’Abrupt Jaunt, sono al sicuro da quasi tutto!”).

Segue il buon Niar. Niar in origine era un aasimar guerriero, ora è un simpatico non-morto che in un momento in cui andava di fretta si è messo in testa una corona magica e ora, con quella cosa in testa, è diventato anche peggio di prima. La dote più importante di Niar è il fatto che essendo un cursed non muore del tutto fino a che qualcuno non gli lancia un semplice rimuovi maledizioni, quindi ogni volta che va in negativo basta dargli un po’ di tempo e ritorna, bello (!?) come prima. Il ragazzo si rende utile anche creando non morti (un’amicizia col defunto Mirkul sembra ancora servire a qualcosa…) e comandandoli (“I due wraith sono sotto i miei piedi, pronti a tirare fuori la manina e la testa all’occorrenza, ok?”), prendendosi in faccia un po’ tutte le trappole dei dungeons (Lara o Phania: “Vai, Niar, tanto tu sei praticamente immune a tutto tranne l’elettricità!” Master: “Ok, questa trappola ti infligge 5d6 danni da elettricità…”), sfondando porte e forzieri e spostando pesi (un 24 di Forza servirà pure a qualcosa!).

Viene poi Phania. Nata umana, ha percorso una strada tortuosa e distorta che l’ha portata a essere espulsa dal novero dei druidi ed ora ha trovato un nuovo ruolo: distruggere tutto quello che è vita e natura e portare la benedizione di Talona in giro per il Faerun. Il suo lavoro è dar fuoco alle cose (mai sottovalutare l’utilità del blightfire, e mai sopravvalutarla… O.o), seguire tracce, girare con una animale-pianta morto al seguito, lanciare alcuni incantesimi d’attacco, cercare di sopravvivere, fare la pianta (eh, i doni degli dei… Master: “Fami un tiro salvezza di Volontà” Niar: “Sono un non-morto: ha effetto su di me?” Master: “No, è mind-affecting…” Phania: “Allora anche io sono salva!”), non bere, dormire o mangiare, chiacchierare col suo amico Radice Corrotta (un trent non morto, che vuoi che sia…), piantare piante non morte in giro per il mondo… No niente altre inutili abilità, credo…

L’ultimo arrivato è il già defunto discepolo dei draghi, presto morto e presto dimenticato… Non aveva ancora avuto modo di dimostrare le proprie capacità più di tanto, solo di morire in maniera ingloriosa…

 

Ed ecco a che punto eravamo rimasti:

Testa di Cane (un demone scambia favori) ci aveva dato una mano a vincere una battaglia, in cambio dovevamo fare un favore ad uno dei suoi assistiti; il favore era cercare un tizio e riportarglielo, preferibilmente vivo (preferibilmente, non tassativamente!). Il tizio era cercato da mezza città, gente buona e gente simpatica come gli Shadow Thieves dell’Amn.

La ricerca ci ha portato ad una taverna, ai sotterranei nascosti sotto di essa e infine ad un portale per un semipiano in cui il tizio era stato nascosto. Un bel semipiano, se posso dirlo: un isoletta in mezzo al mare, con alberi verdi e una casetta in cui la preda si nascondeva. Certo, il portale si era chiuso alle nostre spalle, ma che vuoi che sia…

Arrivati vicini alla casetta… beh, le cose hanno cominciato a diventare complesse: un mindflayer ha rintronato il discepolo dei draghi sulla porta mentre Phania e Niar menavano le mani contro un paio di guerrieri e ladri (più o meno vivi e non morti…) sbucati da dietro ai cespugli (ma voglio vederti a fare uno sneak attack a un non-morto o una pianta!O.o). Lara intanto sparava incantesimi o bolle di acido in giro, poi tutto è precipitato quando un bardo si è messo in mezzo.

Mai sopravvalutare la volontà di un mago: Lara charmata ha ricevuto l’ordine di uccidere gli altri ed ha cominciato dal discepolo dei draghi (ancora fermo e intento a contemplare il vuoto cosmico…), mentre il ricercato e i suoi protettori cominciavano la fuga, uscendo non visti dalla porta sul retro della casetta. Mentre Lara si accaniva sul suo ebete bersaglio, Niar continuava a combattere ma Phania decideva che la preda era più importante (oltre che, forse, l’unico modo per andarsene!), quindi diventava un lupo non morto e correva il più velocemente possibile verso il punto dove era comparso il portale.

La preda e i suoi protettori si tuffano nel portale appena riapertosi, lasciandosi indietro uno scagnozzo non morto ad impedire l’inseguimento. Niar comincia a correre verso il portale, tallonato da Lara. Phania arriva al portale, dribbla il non morto e si tuffa dall’altro lato del portale.

Il non morto non la segue, rimane a bloccare gli inseguitori, ovvero Niar. Ma Lara riesce ad avvicinarsi abbastanza e a scioglierlo, mentre con uno schiocco il portale si chiude, forse per sempre.

Riusciranno i nostri eroi a salvarsi?

Ma soprattutto: riuscirò io, povera inutile pianta, a sopravvivere da sola? O.o

Annunci

2 commenti su “D&D

  1. Più che altro riuscirete voi a sopravvivere alle “geniali” idee del mio personaggio, (Lara Forcedancer) quali andare a prendere il suo personale diplodoco, asservire un Drago al suo volere, divenire così potente da sfidare gli Dei… Cose così?

  2. Beh, ma le geniali idee di Lara oltre a muovere il gioco, sono una catastrofe voluta dagli dei, una divina punizione per il nostro mero esistere.
    E poi prima o poi la morte arriva per tutti i pg (salvo rare eccezioni… O.O)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...